Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie,  consulta la pagina sulla privacy.
Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookie.

 

Banner_alto_1

furti trattore foto copyright Il Floricultore Rivista min

TRAFFICO INTERNAZIONALE | Secondo Unacma, l’associazione dei rivenditori, le organizzazioni criminali rivendono le macchine soprattutto nei Paesi Balcanici e Caucasici.

 

Furti: dove finiscono le macchine agricole rubate

 

Diminuisce il numero dei reati, ma aumenta il valore dei mezzi rubati. Puglia e Sicilia le regioni più colpite dal fenomeno

 

Dietro ai furti di macchine agricole si nascondono vere e proprie organizzazioni criminali. La denuncia arriva da Unacma, l’associazione nazionale dei rivenditori, che ha illustrato il fenomeno a EIMA 2018 durante il convegno intitolato “Il fenomeno dei furti delle macchine agricole. Testimoni e possibili soluzioni”.

Trattori e altre macchine rubate in Italia vengono rivenduti nella maggioranza dei casi nei Paesi Balcanici e Caucasici, dove sono presenti grandi estensioni agricole. Secondo il parere di Unacma i furti avvengono quasi sempre su commissione. Riguardano infatti, in netta prevalenza, mezzi nuovi o seminuovi, ad alta potenza e quindi con un alto costo. Così, nonostante il numero sia diminuito di circa il 30% negli ultimi cinque anni, passando dagli oltre 13 mila mezzi rubati del 2013 ai 9.114 dello scorso anno, è aumentato il valore della refurtiva, con un grave danno per le aziende agricole o le concessionarie prese di mira dai ladri. In base a quanto ricostruito dall’associazione, i mezzi prima sono nascosti in luoghi non lontani da dove sono stati sottratti, poi vengono caricati su camion schermati e portati all’estero per essere rivenduti.

Difficile per i proprietari rientrare in possesso delle proprie macchine, anche se qualche azienda e qualche concessionario sono riusciti a riportarle in Italia grazie all’intervento dell’Interpol.

Le regioni più colpite dai furti sono la Puglia e la Sicilia.

[Tratto da IL FLORICULTORE, Dicembre 2018]

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA


 

  ARTICOLI CORRELATI    

 

furti vivai pistoia photinie alessandro caramelli minLadri senza pietà, ancora furti nei vivai pistoiesi

1200 photinie trafugate negli ultimi giorni, è l’ennesima razzia. Coldiretti ringrazia le forze dell’ordine ma invita a non abbassare la guardia

 

 


 

furti vivai pistoia cipressi cover foto copyright coldiretti pistoia minFurti vivai pistoiesi: trafugati 1.400 cipressi

«La piana del florovivaismo è diventata un bancomat delle piante», denuncia la Coldiretti locale, che ha invitato il prefetto a visitare le aziende

 


 

furti campagne vivai toscana foto coldiretti squarcio nella serra 1 coldiretti minPistoia, piaga furti: migliaia di piante trafugate solo negli ultimi giorni

Dopo quelli liguri, anche i vivai toscani colpiti dai ladri. Forte recrudescenza. Coldiretti: «Impossibile coprire decine e decine di ettari con sistemi d'allarmi aziendali. Occorre più videosorveglianza pubblica»

 


 

fronde verdi foto il floricultore minLadri di fronde verdi in azione in Liguria

Il presidente regionale di Coldiretti Calleri: «È una vera e propria razzia». Ronde notturne dei floricoltori. Ma chi sono i ricettatori?

 


 

furti irrigazione minLombardia: il gran caldo fa impennare i furti negli impianti di irrigazione

Danni per 300 mila Euro e ronde notturne. Scatta l'allerta fra gli agricoltori

 


 

DONT MISS

Seguici sui social

     

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre informato sulle ultime novità dal mondo della floricoltura

iscriviti