Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie,  consulta la pagina sulla privacy.
Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookie.

 

Assofertilizzanti Giovanni Toffoli Presidente Assofertilizzanti min

 

Giovanni Toffoli è il nuovo

presidente di Assofertilizzanti

 

«La nostra Associazione lavora per fare agricoltura in modo corretto con un occhio di riguardo nei confronti delle tematiche ambientali», ha dichiarato subito dopo la nomina avvenuta giovedì 24 maggio a Genova

 

Giovanni Toffoli è il nuovo presidente di Assofertilizzanti, l’Associazione nazionale produttori di fertilizzanti che fa parte di Federchimica. La nomina, giunta all’unanimità, è stata ufficializzata giovedì 24 maggio in apertura dell’Assemblea annuale in corso in questi giorni a Genova.

Dopo la Laurea in Economia e Commercio all’Università Ca’ Foscari di Venezia nel 1991, Toffoli ha mosso i primi passi nel settore dei fertilizzanti maturando importanti esperienze per poi approdare nel 1997 in K-Fertilizzanti. Nel 2000 è entrato in Adriatica Spa diventando da subito membro del Consiglio di Amministrazione e poi, nel 2012, Amministratore Delegato.

Dal 2009 al 2014, è stato presidente del Gruppo dei Concimi Minerali, uno dei tre comparti in cui Assofertilizzanti è strutturata in rappresentanza dei vari settori merceologici. Dal 2014 è stato componente del Consiglio di Presidenza e del Consiglio Direttivo. Ora è subentrato a Francesco Caterini alla guida dell’Associazione.

«Sono chiamato alla guida di un’Associazione che rappresenta aziende capaci di apportare vantaggi indiscussi al sistema agricolo italiano», ha dichiarato il neopresidente. «Fattori indispensabili per nutrire la terra, i fertilizzanti garantiscono ogni anno raccolti di qualità e abbondanti, capaci di soddisfare le esigenze del fabbisogno alimentare. Questa Associazione lavora per fare agricoltura in modo corretto con un occhio di riguardo nei confronti delle tematiche ambientali. L’auspicio è che quest’impegno venga valorizzato e non messo in discussione, né dalle Istituzioni, né dagli stakeholder. Valorizzare il comparto significa salvaguardare la competitività del settore agroalimentare nazionale».

DONT MISS