Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie,  consulta la pagina sulla privacy.
Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookie.

 

liguria aromatiche anno cibo italiano min

 

2018, nell’Anno del cibo Italiano nel mondo

nasce l'aperitivo ai profumi di Liguria

 

Un drink a base di aromatiche locali, piante utili per la salute e il benessere, ideato dagli alberghieri liguri, Confagricoltura Liguria e il Museo Luzzati

 

Il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali e il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo hanno comunicato già la scorsa estate che il 2018 sarà l’anno dedicato al cibo italiano nel mondo. Il Made in Italy agroalimentare è un patrimonio che coniuga il saper fare con le bellezze paesaggistiche, dunque è uno dei migliori biglietti da visita che può esibire il nostro Paese, capace di raccontare la storia delle nostre terre e delle comunità che le abitano.

A partire dal prossimo mese di gennaio si rafforzerà l’impegno dei due ministeri e di tutte le istituzioni locali e regionali per promuovere il turismo agroalimentare e la conoscenza delle produzioni agricole locali. L’obiettivo sarà quello di valorizzare le straordinarie produzioni agricole italiane abbinate al patrimonio storico-artistico.

Gli alberghieri liguri, Confagricoltura e il Museo Luzzati candidano un drink a base di aromatiche “made in Liguria” come aperitivo del 2018. Si tratta di piante utili per la salute e il benessere, ricche di olii essenziali, vitamine e minerali, principi nutritivi e proprietà officinali. I promotori di “Acque ai profumi di Liguria” hanno realizzato uno shooting fotografico, a cura della images maker Debora Carrà, all’interno del Museo Luzzati e all’esterno di Porta Siberia, un tempo snodo delle merci in arrivo nel porto, con protagonisti i giovani talenti dell’Alberghiero Bergese, futuri ambasciatori del food made in Italy.

Il progetto, coordinato dai docenti Giovanni Falcone, Gianluigi Cupito, Monica Barbera, Nello Simoncini e Franco Laureri, è stato promosso dal Centro Studi Sul Turismo F.M. Giancardi di Alassio e realizzato in collaborazione con il Museo Luzzati, Confagricoltura Liguria, la rete degli alberghieri della Liguria, gli animatori turistici del progetto Blue Economy finanziato da fondo sociale europeo del Centro di Formazione ELFo Liguria e gli alunni dell’Istituto Alberghiero N. Bergese di Sestri Ponente.

 


DONT MISS