CIA: tra caldo rovente e voucher

la situazione nelle campagne è infernale

 

Siccità, costi produttivi e difficoltà a reperire e regolarizzare la manodopera condizionano pesantemente il settore agricolo italiano, con forti cali dei raccolti e ulteriori contrazioni dei redditi aziendali. Si teme un crack da 1,2 miliardi di Euro. 

 

caldo-cia20 Agosto 2012 - «La situazione nelle campagne italiane si fa rovente. Si sommano danni su danni. Ai cali produttivi per caldo e siccità e all’inarrestabile aumento dei costi aziendali, si aggiungono le problematiche connesse alla manodopera. Il saldo negativo al termine dell’annata agraria potrebbe sfiorare 1,2 miliardi di Euro». Questo è l’allarme lanciato dalla Confederazione Italiana Agricoltori che segnala una situazione difficilissima nelle campagne del Paese.

«Le avverse condizioni climatiche – spiega la Cia – portano a una generalizzata contrazione dei volumi prodotti che supera il 25-30 per cento, con punte del 50 per cento per alcuni comparti. L’attuale vendemmia e la prossima campagna olivicola-olearia sono, tra l’altro, condizionate da difficoltà relative alla manodopera: l’eliminazione dei voucher sui campi non agevola le operazioni in campagna. In alcune aziende non si raccoglie perché si hanno problemi nel reperire e regolarizzare gli stagionali».

«Insomma – continua la Cia – mentre la terra "brucia", per l’agricoltura italiana “piove sul bagnato”: senza interventi di sostegno si rischia il crack. Non si arrestano gli aumenti dei prezzi di carburanti, dell’energia, dei mangimi e delle attrezzature, ma calano sensibilmente la produttività e i redditi delle aziende. E a complicare ancora di più la vita nei campi ora è l’ultima ondata di caldo africano di questa estate di fuoco. Ancora per una settimana, quindi, nei vigneti sarà massima allerta per continuo pericolo incendi. Il caldo, con temperature che tra i filari superano i 40 gradi, rende questa vendemmia tra le più difficoltose degli ultimi 50 anni».

«Le uniche notizie positive - conclude la Cia - si registrano sul fronte della qualità delle produzioni. Le uve, ad esempio, si presentano ai massimi livelli organolettici e anche le olive, quasi a fine maturazione sugli alberi, si mostrano, diffusamente, in buono stato tanto da far prevedere un ottima campagna per gli extravergini di qualità italiani».

       

florpagine banner rullo 202404

banner campagna abbonamenti 202012

IlFloricultore 20240304 min

Abbonarsi a IL FLORICULTORE conviene

florpagine banner 2020 min