Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie,  consulta la pagina sulla privacy.
Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookie.

 

ape fiori foto copyright Agrital Editrice E Nunziata min 

 

Nasce la “Carta di San Michele all’Adige”

per tutelare le api da miele

 

Le organizzazioni apistiche ANAI, FAI e UNAAPI hanno però annunciato che non lo sottoscriveranno. Il documento sarà presentato e firmato martedì 12 giugno alla Fondazione Edmund Mach di San Michele all’Adige (TN)

 

Sono tempi complicati per le api e non solo in Italia. Questi piccoli e preziosi insetti sono in pericolo e con essi sono minacciati la produzione di miele e l’intero settore agricolo.

Gli entomologi della Fondazione Edmund Mach di San Michele all’Adige (TN) hanno messo a punto un documento per la tutela delle sottospecie autoctone di Apis mellifera L. in Italia, che è stato poi completato con il contributo dei maggiori apidologi ed entomologi nazionali e della World Biodiversity Association onlus nonché col supporto di apicoltori sensibili al problema.

La "Carta di San Michele all’Adige" sarà sottoscritta e presentata ufficialmente martedì 12 giugno, a partire dalle 9.30, alla Fondazione Edmund Mach, che sarà la prima firmataria col suo presidente Andrea Segrè. Qui il programma del Convegno che si avvarrà degli interventi dei principali estensori della Carta.

La Proposta di adesione all’appello non sarà però sottoscritta dagli apicoltori italiani e dalle loro organizzazioni nazionali. In un comunicato congiunto ANAI, FAI e UNAAPI hanno fatto sapere che «l’iniziativa in questione sembrerebbe all’apparenza benemerita; nel metodo e nel merito, però, non è condivisibile perché una parte della Comunità scientifica nazionale ha inteso elaborare il documento senza volerlo preventivamente condividere con il mondo apistico delegittimandolo, di fatto, quale interlocutore su un tema di specifica competenza». I presidenti delle tre organizzazioni si sono comunque dichiarati disponibili a rivedere i contenuti del documento per il «bene comune dell’ape italiana».

 

PER SAPERNE DI+

Carta-di-San-Michele-all-Adige

DONT MISS