callaBBH02

[Foto: funnyhowflowersdothat.co.uk]

 

CALLE COLORATE,ecosostenibili ed eleganti

Ecco le principesse dell'estate in giardino

 

Spunti, idee e consigli utili da segnalare al consumatore finale

 

Tra le bulbose a fioritura estiva, le Calle sono le più duttili perché le corolle si aprono puntualmente dopo otto settimane dalla piantagione primaverile che può avvenire da aprile a fine di maggio, così da prolungare la loro presenza in giardino fino a mezza estate.

Le prime a spuntare sono le foglie sorrette da piccioli robusti e formate da una lamina ampia e appuntita. Il tessuto, tenero al tatto, è di un bel verde brillante ed è spesso cosparso di macchioline argentate o dorate che le rendono ancor più attraenti. Infine, nascono i fiori, da tre a quattro per ogni pianta, sorretti da steli slanciati alti 50 cm circa. L’apertura della corolla è graduale e prolunga la sorpresa di scoprirne il colore fino a quando la spata non sboccia completamente.

 

❱❱ IRRIGAZIONE AL MINIMO. Rispetto alla Calla bianca che ama i terreni umidi, tipici delle rive del laghetto, le Calle colorate hanno una predilezione per i terreni asciutti e drenati. Le varietà rosa e gialle sembrano più luminose se coltivate in pieno sole. Per evitare che il terreno si surriscaldi, non serve aumentare la frequenza delle innaffiature (con dispendio inutile di acqua) o coprire il suolo con pacciamatura: basta piantarle fitte, perché le foglie stesse, grandi e numerose, forniranno la giusta dose di ombra e di riparo dall’arsura. Le varietà a spata chiara, sfumate di verde o di porpora, risaltano negli angoli a mezz’ombra dove non hanno difficoltà ad ambientarsi grazie alla frescura e alla naturale umidità del terreno, mai troppo soleggiato.

 

❱❱ GLI ABBINAMENTI IDEALI

ERBACEE PERENNI. Tra le perenni, le più adatte a crescere accanto alle Calle colorate sono quelle con fiori radi, di colore neutro, ma dotate di fogliame frastagliato, capace di creare un contrasto netto con le linee stilizzate delle foglie di calla. Per gli angoli soleggiati, un’ottima combinazione è con il Manto di Madonna (Alchemilla mollis), tappezzante generosa, poco esigente in fatto di acqua, con foglie tonde dai margini zigrinati.

A mezz’ombra, per creare un effetto naturale, accentuare il contrasto tra le foglie e mettere in risalto l’essenzialità dei fiori delle Calle chiare, le combinazioni migliori si ottengono con le felci, molto frastagliate, di altezza media, oppure con la Smilacina racemosa che, da primavera a metà estate, produce leggerissimi pennacchi di fiori bianchi. Come sfondo, si può utilizzare una scenografica Rodgersia podophylla, dotata di foglie alte un metro, ampie e con nervature evidenti, di colore verde ramato.

BULBOSE DA FIORE. Nel giardino soleggiato, per creare una bordura slanciata, dai colori decisi, le compagne ideali delle Calle colorate sono le altre bulbose a fioritura estiva con scarse esigenze in fatto di acqua. Sullo sfondo di un gruppo di Calle rosa si possono piantare Eremurus robustus o Eucomis con racemi fiorali rosa chiaro, mentre per dare risalto alle Calle gialle nulla è meglio delle Canna con foglie ovali, grandi, verde lime striate di giallo.

callaBBH01

[Foto: funnyhowflowersdothat.co.uk]

 

❱❱ COME PIANTARE I BULBI PER COMPOSIZIONI D’EFFETTO

Le Calle colorate possiedono steli medi ed eretti, producono numerosi fiori che durano intatti per quattro settimane, dispiegano fogliame leggero e abbondante.

Piantarle è facile, basta sistemare i bulbi nel vaso e coprirli con cinque centimetri di terra. Tuttavia, per ottenere risultati di un certo effetto, l’importante è seguire alcuni semplici trucchi:

– per il giardino, piantare i bulbi in contenitori di plastica e, solo dopo la comparsa delle foglie, trasferirli all’interno di portavasi che valorizzano ulteriormente la tonalità dei fiori.

– per l’uso in cache pot, utilizzare la tecnica precedente ma, insieme alle Calle, aggiungere Eryngium eburneum, un’erbacea perenne resistente al sole e alla siccità, di aspetto quasi eterea, con fusti sottili, molto ramificati, e infiorescenze bianco-verdastre simili a piccoli cardi.

– per i balconi, scegliere vasi e cassette profondi 17-20 centimetri e piantare i bulbi piuttosto fitti, così da ottenere una grande massa di foglie e fiori in uno spazio ridottissimo.

Calla-Captain-Romance

 

Calla 'Captain Romance' Bulbo estivo dell'Anno 2009.

 

❱❱ ORIGINE DEL NOMEE LINGUAGGIO DEL FIORE

Nel linguaggio dei fiori, la Calla significa bellezza o instabilità ed è il nome che Linneo diede a questo carnoso ed elegante fiore inspirandosi al vocabolo greco kalos che vuol dire bello. Nell’ottocento il nome è stato cambiato in Richardia e poi definitivamente in Zantedeschia in onore di Francesco Zantedeschi, fisico e botanico italiano vissuto tra il 1797 e il 1873.

In età vittoriana la calla era simbolo di raffinatezza e nobiltà, tanto da divenire il regalo adatto a suggellare un’amicizia importante o una dichiarazione di stima.                                       

[Tratto da "Il Floricultore", Aprile 2009]

 


CONSIGLI PER LA CURA

Profondità nel terreno: 5-10 cm.

Distanza: 10-15 cm tra i cormi in vaso; 40 cm in aiuola.

Tipo di terreno: leggero, drenato, lavorato a fondo con la zappetta.

Esposizione: sole e mezz’ombra.

Irrigazione: innaffiature regolari dopo la messa a dimora e più frequenti durante la fioritura.

Concimazione: al momento dell’impianto e dopo la fioritura.

Cure particolari: recidere gli steli dopo la fioritura.

 

 

       

florpagine banner rullo 202404

banner campagna abbonamenti 202012

IlFloricultore 20240506 min

Abbonarsi a IL FLORICULTORE conviene

florpagine banner 2020 min