Ricerca: ecco Noemi, il gene che addolcisce gli agrumi

Agrumi foto copyright AlessandraQuagliarella min

CREA e John Innes Centre hanno messo a punto la mutazione “acidless”, per nulla acido, nei frutti di cedro, limone, limetta e arancio

 

Lo scorso anno, dalle pagine de «Il Floricultore», vi avevamo dato notizia di una ricerca svolta presso il John Innes Centre di Norwich, in Inghilterra, grazie alla quale è stato identificato un gene, battezzato Noemi, capace di regolare l’acidità degli agrumi.

Ora il laboratorio di Biotecnologie del CREA Olivicoltura Frutticoltura Agrumicoltura informa che, proprio in collaborazione con il John Innes Centre, è stata caratterizzata la mutazione “acidless” (letteralmente “per nulla aspro”) nei frutti di cedro, limone, limetta e arancio.

A breve dunque si potranno avere agrumi meno acidi rispetto alle varietà classiche. L’identificazione di Noemi costituisce una novità interessante per il miglioramento genetico degli agrumi, soprattutto di arance e mandarini. Grazie al controllo dell’acidità sarà anche possibile isolare selezioni a diversa epoca di maturazione, significative anche sotto l’aspetto commerciale all’interno di un mercato sempre più esigente.

  


  

  ARTICOLI CORRELATI

 

agrumi eugenio butelli foto copyright Ruby OGrady minSulle tracce delle mutazioni che hanno ridotto l’acidità del limone

 

 

 


ricerca fiori blu agrumi minFiori + blu, agrumi + aspri: sono responsabili gli stessi geni


       

florpagine banner rullo 202201

banner campagna abbonamenti 202012

IlFloricultore 20240102 min

Abbonarsi a IL FLORICULTORE conviene

florpagine banner 2020 min

NEWSLETTER

* campi obbligatori

ACCETTAZIONE PRIVACY

Dichiaro di aver preso visione dell’Informativa sulla privacy fornita ai sensi dell'art. 13 del Regolamento Europeo EU 679/2016 e di accettare le modalità di utilizzo dei miei dati per le finalità indicatemi nell’informativa stessa.

 

georgofili 2020 ok min