mandorli fiore copia

INVERNO IN FIORE

 

A causa delle temperature eccezionalmente miti, molte specie arboree sono sbocciate anzitempo, dando vita a quella che gli studiosi hanno definito "Primavera anticipata". I ricercatori del CNR spiegano cause e rischi di questo fenomeno

 

di Arianna Ligas

 

13 Marzo 2014 - Dal Piemonte alla Sicilia, la situazione è la stessa: alberi da frutto in fiore, mimose nei giardini, campi tinti dei colori dell’arcobaleno. Un tipico scenario primaverile se non fosse che susini e albicocchi sono sbocciati in pieno inverno, due settimane prima del giusto periodo stagionale. “Un anticipo di primavera dovuto alle temperature miti degli ultimi mesi”, osserva Alberto Santini, dell’Istituto per la protezione delle piante (Ipp) del Cnr di Firenze, preoccupato per le conseguenze che quest'improvvisa fioritura, potrebbe avere sui raccolti e, più in generale, sull’ecosistema. “Bisogna temere improvvise gelate, che potrebbero danneggiare le colture. Inoltre, le temperature insolitamente miti dell’inverno favoriscono la proliferazione di insetti e funghi dannosi per le piante”.

L’aumento delle temperature non è stato lieve, anzi: lunedì 17 febbraio ha raggiunto livelli mai riscontrati prima, 26,3 gradi a Parma e 27,9 a Palermo, ben dodici gradi sopra le medie stagionali. Il cambiamento è stato decisamente troppo repentino. “Il mondo vegetale è disorientato e non siamo ancora in grado di prevedere come si adatterà l’ecosistema, né se i risvolti saranno positivi o negativi”, spiega Elena Paoletti dell’Ipp-Cnr. “Il rischio è che la fioritura e il risveglio degli insetti impollinatori non avvengano più nello stesso periodo, con conseguenze sulla capacità riproduttiva delle piante”.

Fortunatamente, per il momento, il pericolo per i raccolti sembra contenuto, come spiega Massimiliano Pasqui, dell’Istituto di biometereologia (Ibimet) del Cnr di Firenze: “Non sono previsti cali vistosi e persistenti di temperatura e, nonostante la pioggia, la tendenza per il mese di marzo è per temperature in linea con le medie del periodo”.

Ma cosa ha determinato l’anticipo di primavera che ha portato le temperature 5-6 gradi al di sopra della norma stagionale? “Il comportamento anomalo del vortice polare è stato tra i responsabili più evidenti di questa circolazione atmosferica che ha portato freddo record negli Stati Uniti centro-orientali e clima mite e piovoso in Europa”, conclude Pasqui. “Il frequente passaggio di perturbazioni atlantiche infatti ha portato sulle nostre regioni umidità e pioggia, ma anche richiamato aria più mite dal Nord Africa”.

 

[Fonte: ALMANACCO DELLA SCIENZA]

 

       

florpagine banner rullo 202201

banner campagna abbonamenti 202012

coronavirus speciale notizie Il Floricultore Agrital Editrice min

IlFloricultore20220506 min

Abbonarsi a IL FLORICULTORE conviene

florpagine banner 2020 min

NEWSLETTER

* campi obbligatori

ACCETTAZIONE PRIVACY

Dichiaro di aver preso visione dell’Informativa sulla privacy fornita ai sensi dell'art. 13 del Regolamento Europeo EU 679/2016 e di accettare le modalità di utilizzo dei miei dati per le finalità indicatemi nell’informativa stessa.

 

meteo aeronautica min

georgofili 2020 ok min

ADVERTISEMENT

ADVERTISEMENT

ADVERTISEMENT