Confagricoltura Savona: un appello per un maggior riconoscimento del florovivaismo e soluzioni concrete

In occasione dell'Assemblea generale di Albenga di fine Luglio 2023 dal presidente Luca De Michelis sono pervenuti aggiornamenti sulla situazione nazionale, regionale e provinciale del comparto agroalimentare. Due le proposte per la Piana Ingauna emerse dal dibattito con i soci intervenuti

 

fn confagricoltura savona Luca De Michelis min

Il presidente di Confagricoltura Savona Luca De Michelis

 

Orgogliosi di essere italiani, capaci di cose che altri in Europa non sono in grado di fare e impegnati da anni nella riduzione delle emissioni nocive, gli agricoltori chiedono un maggior riconoscimento del loro comparto in quanto strategico a livello nazionale per la tenuta sociale, ambientale e territoriale. Questo uno dei messaggi lanciati da Luca De Michelis, Presidente di Confagricoltura Liguria e di Confagricoltura Savona, nel corso dell'Assemblea generale di quest'ultima, tenutasi ad Albenga a fine Luglio.

Sul fronte ambientale il Presidente ha commentato l'approvazione al Parlamento Europeo della legge sul ripristino della natura: «Noi Confagricoltura abbiamo chiesto un rigetto perché in questi ultimi anni ci è stato chiesto di produrre di più e noi vogliamo farlo perché l'elemento centrale è la terra. Ridurre del 10% la capacità produttiva significa un danno elevatissimo per le imprese agricole. Nel merito voglio ricordare che l'agricoltura non è solo produrre, ma garantire a tutti cibo sicuro in quantità e qualità».

In ambito regionale, De Michelis ha rassicurato sui buoni rapporti con il governo, in particolare con l'assessore all'agricoltura Alessandro Piana, con il quale Confagricoltura è impegnata a rivedere il nuovo Programma di Sviluppo Rurale.

Per quanto riguarda la provincia di Savona, l’annata 2022 non è stata soddisfacente, soprattutto per le piante in vaso della pianura di Albenga. La colpa è dei “soliti noti”: avversità atmosferiche, guerra russo-ucraina, rincari energetici, strascichi della pandemia. Nel corso del dibattito sono stati evidenziati due problemi che interessano proprio la Piana Ingauna: le “zone rosse”, applicate sul territorio da oltre 30 anni con molti divieti che dovrebbero essere eliminati, e la necessità di creare bacini acquiferi per riutilizzare l’acqua e garantirne la disponibilità alle imprese agricole locali.

 


 

Il Floricultore testata newsletter prova01 min

Per ricevere le ultime notizie del settore direttamente nella tua casella di posta elettronica iscriviti alla Newsletter de «Il Floricultore»

 


 

calendario fiere e mostre min 

Scopri qui tutti i prossimi APPUNTAMENTI FIERISTICI GREEN
in Italia e nel mond

       

florpagine banner rullo 202404

banner campagna abbonamenti 202012

IlFloricultore 20240506 min

Abbonarsi a IL FLORICULTORE conviene

florpagine banner 2020 min