Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie,  consulta la pagina sulla privacy.
Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookie.

 

Banner_alto_1

giardino eden babilonia min

 

Nell’Antropocene: giardini e paesaggio alla fine di un mondo

 

A settembre, Fondazione Benetton organizza a Treviso quattro incontri per riflettere sui nuovi modi di intendere e progettare il verde

 

È sempre più difficile parlare di giardini e giardinaggio senza prendere in considerazione i forti cambiamenti ambientali in atto, a cominciare da quelli climatici. Dal mondo della produzione ai professionisti fino ai semplici appassionati, tutti sono chiamati a confrontarsi con nuove condizioni che impongono di rivedere i propri programmi.

Parte da questi presupposti la nuova edizione di "Naturale inclinazione", il ciclo di incontri organizzato a settembre (mercoledì 11, venerdì 13, mercoledì 18 e mercoledì 25) a Treviso, negli spazi Bomben, dalla Fondazione Benetton Studi Ricerche e curato da Simonetta Zanon, responsabile progetti paesaggio della Fondazione.

Il titolo scelto quest’anno è evocativo: "Il giardino dell’Eden non c’è più". L’espressione è stata usata dal famoso naturalista e divulgatore scientifico Sir David Attenborough mentre riceveva a Davos, il 21 gennaio scorso, il Premio di Cristallo, assegnato agli artisti che si impegnano a migliorare il mondo. Attenbourgh ha così inteso sintetizzare la fine dell’Olocene, ossia quel lungo periodo di stabilità climatica che ha permesso all’umanità di progredire e sviluppare straordinarie civiltà, e l’inizio dell’Antropocene, l’era geologica in cui ogni variazione è condizionata dalle attività dell’uomo.

L’accelerazione senza precedenti nell’uso dell’energia, nelle emissioni di gas serra in atmosfera e nell’uso del suolo hanno spinto la Terra verso confini sconosciuti. Le implicazioni investono ogni sfera del nostro agire, compresi ovviamente i progetti di paesaggio. I quattro incontri in programma a Treviso invitano a riflettere su questa nuova condizione e a una nuova assunzione di responsabilità.

 

PROGRAMMA

 

Mercoledì 11 settembre (appuntamento pomeridiano)

Cambia il clima, cambia il progetto di paesaggio?

Incontro con Gianni Celestini, professore associato in Architettura del paesaggio, La Sapienza Università di Roma.

 

Venerdì 13 settembre (appuntamento pomeridiano)

Nell’Antropocene. Etica e politica alla fine di un mondo

Giuseppe Barbera, professore ordinario di Colture arboree all’Università di Palermo, dialoga con Marcello Di Paola, co-autore del volume (Derive Approdi, Roma 2018).

 

Mercoledì 18 settembre (appuntamento serale)

Quintet

Proiezione del film di Robert Altman (USA, 1979, durata 95’), introdotta e commentata da Livio Meo, giornalista e presidente dell’Associazione Cineforum Labirinto Treviso.

 

mercoledì 25 settembre (appuntamento pomeridiano)

Changes. Progettare per l’adattamento climatico

Presentazione del numero monografico, 38, 2019, della rivista «Architettura del paesaggio»

Con Anna Lambertini, professore associato in Architettura del paesaggio all’Università di Firenze, direttrice della rivista «Architettura del paesaggio»; Luigino Pirola, SAP Studio Architettura Paesaggio Bergamo, presidente di Aiapp, Associazione Italiana Architettura del Paesaggio; Marco Tamaro, direttore della Fondazione Benetton Studi Ricerche.

 

Ingresso libero

Auditorium degli spazi Bomben, Fondazione Benetton, via Cornarotta 7, Treviso

 

PER SAPERNE DI+

Fondazione Benetton

tel. 0422 5121

www.fbsr.it 

 

DONT MISS

Seguici sui social

     

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre informato sulle ultime novità dal mondo della floricoltura

iscriviti