Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie,  consulta la pagina sulla privacy.
Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookie.

 

RIFLESSIONI TRA I FIORI

RIFLESSIONI TRA I FIORI

di Anny Pellecchia

>> Cresciuta nel negozio di fiori dei genitori e in un giardino incantato realizzato dal padre Ugo non poteva che continuare la tradizione e scrivere per “Il Floricultore” perché il mondo del verde ha sempre qualcosa da raccontare

http://www.ugopellecchia.it

La Zamioculcas non richede molte attenzioni nella cura e sta bene in tutti gli ambienti, dove tra l’altro purifica l’aria. Viene spesso confrontata con la Zamia o con la Cycas, ma in realtà non vi è nessuna relazione tra queste piante

In molti la chiamano "pianta di Padre Pio" perche', si dice, emana lo stesso odore del frate di Pietrelcina. Noi preferiamo chiamarla semplicemente Zamioculcas e l'apprezziamo per la sua eleganza e la sua resistenza. E, ne siamo certi, il santo ci ringrazia

E' la stagione della Curcuma, spezia che rende gialla la miscela del curry. Lo "zafferano d'India" delizia la cucina ma, coi suoi petali colorati, puo' arricchire i giardini o gli ambienti domestici. Un "test drive" culinario per i lettori de «Il Floricultore»

Ovvero, come ti metto in crisi il fiorista

"La vita comincia da qualche parte con il profumo della lavanda" sostiene lo scrittore errante Andre' Aciman. Ebbene si', ci sono odori che sono depositi di storie, stanze segrete in cui e' chiusa a chiave la nostra memoria. E ogni volta ci riportano in quel luogo e in quel tempo in cui si e' costruito il ricordo

A ogni fiore la sua stagione. Ho resistito stoicamente a chi me li chiedeva in estate e autunno perche' desidero che i clienti si riapproprino dell'emozione dell'attesa

La brutta avventura di un albero-lilliput finito nelle mani di una signora che, ignorando la sua storia millenaria, ha tentato di cambiargli "vita". Infatti, il malcapitato ha esalato l'ultimo respiro…

Gia' Goethe le coltivava nel suo giardino a Weimar e ancora oggi sono apprezzate per decorare giardini e balconi, dove fioriscono generose fino ai primi geli

Osservare passivamente i fiori e le piante è un atteggiamento mentale liberatorio. Una buona pausa, anche se breve, ci allontana dai pensieri opprimenti

DONT MISS

Seguici sui social

 

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre informato sulle ultime novità dal mondo della floricoltura

iscriviti