Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie,  consulta la pagina sulla privacy.
Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookie.

 

periti agrari camera deputati min

 

Periti Agrari, il futuro della professione

riparte dalla buona scuola 

 

Il neo eletto Consiglio nazionale del Collegio vuole rafforzare i rapporti con istituti e università

 

Si è presentato a Roma, alla Camera dei Deputati, il neo eletto Consiglio nazionale del Collegio dei periti agrari, che ha da subito indicato le priorità del proprio lavoro: promuovere in accordo con il Ministero dell’istruzione e dell’Università una revisione dei programmi didattici per affermare competenze che appartengono ai Periti Agrari e Periti Agrari Laureati e che in Italia ancora non vengono appieno riconosciute; rivedere modalità e forme d’iscrizione al Collegio coinvolgendo direttamente gli Istituti tecnici agrari, gli Istituti d’istruzione superiore, gli Istituti tecnici superiori, Ministero dell’Istruzione e Università.

Gli obiettivi saranno perseguiti predisponendo convenzioni e protocolli che portino i Periti Agrari e i Periti Agrari Laureati nelle aule scolastiche e universitarie a presentare la categoria, l’ordinamento e i suoi aspetti applicativi, le competenze professionali. 

«Ci rivolgiamo alle scuole tecniche agrarie, agli ITS e alle università», spiega il presidente del Collegio nazionale Periti Agrari e Periti Agrari laureati, Mario Braga, «con loro stringeremo un patto per progettare e realizzare processi di nuova professionalizzazione». 

 L’impegno che porterà avanti il Collegio sarà anche quello di instaurare e consolidare relazioni con il Parlamento e con i suoi organi, affinché la “Legge” diventi il riferimento giuridico chiaro, trasparente ed etico.

 


 

Seguici sui social

 

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre informato sulle ultime novità dal mondo della floricoltura

iscriviti