Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie,  consulta la pagina sulla privacy.
Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookie.

 

hanami Ciliegi MAO museo torino samurai min 

Hanami a Torino: i giardini giapponesi

protagonisti al Museo d’Arte Orientale

 

Alla scoperta di due tradizioni millenarie, la contemplazione dei ciliegi in fiore e il mito dei samurai

 

Se in Giappone sono moltissimi i luoghi da cui godere magnifici scorci floreali, tra i più celebri si annoverano le rive del fiume Hinokinai a Kakunodate e il parco Inokashira di Tokyo, il posto ideale per celebrare l’hanami a Torino è il Museo d’Arte Orientale. Il programma di appuntamenti previsti a partire da lunedì 10 aprile andrà a toccare i due aspetti centrali dell’hanami, la contemplazione della fioritura e il mito dei samurai e delle lame giapponesi.

Hanami ( はなみ), che significa “osservare i fiori” (hana = fiori e mi = vedere), è una solida tradizione giapponese che consiste nel contemplare la bellezza delle fioriture nelle giornate di primavera. La pratica affonda le sue radici nel passato leggendario del Paese del Sol Levante. All’inizio del IX secolo l’Imperatore Saga trasformò questa usanza in una nuova occasione di festa con balli sotto gli alberi di ciliegio piantati nel giardino del palazzo della Corte Imperiale a Kyoto. In seguito la ricorrenza si diffuse tra la popolazione, che cominciò a godere dei parchi fioriti bevendo sake e mangiando sotto una pioggia di petali rosa.

Il fiore di sakura, assunto oggi a simbolo delle arti marziali, venne adottato dai samurai quale emblema di appartenenza alla propria classe. Nell’iconografia classica del guerriero il ciliegio rappresenta insieme la bellezza e la caducità della vita: durante la fioritura mostra uno spettacolo incantevole nel quale il samurai vedeva riflessa la grandiosità della propria figura avvolta nell’armatura, ma è sufficiente un improvviso temporale perché tutti i fiori cadano a terra, proprio come il samurai può cadere per un colpo di spada del nemico. Il guerriero, abituato a pensare alla morte in battaglia non come un fatto negativo ma come l’unica maniera onorevole di andarsene, rifletté nel fiore di ciliegio questa filosofia.

 

PROGRAMMA

 

Lunedì 10 aprile, ore 15.30-18.30

I GIARDINI GIAPPONESI

Seminario a cura di Silvia Vesco e Stefano Passerotti con degustazione di tè giapponese

Costo seminario e degustazione di tè giapponese € 12.

La partecipazione al seminario prevede un numero limitato di posti disponibili. Il biglietto dell’attività va acquistato entro DOMENICA 9 APRILE presso la biglietteria del Museo. Eventuali posti disponibili saranno messi in vendita il giorno stesso, si consiglia di telefonare allo 0114436927/8

 

Dall’ 11 aprile al 26 novembre 2017

LE SPADE DEI SAMURAI. ATTO SECONDO

Nuova esposizione di lame e foderi nella Galleria Giapponese

Ingresso con biglietto delle collezioni permanenti.

 

Martedì 11 aprile, ore 18

MEIBUTSU: SPADE LEGGENDARIE DELL’ANTICO GIAPPONE

Incontro a cura di Gianluca Venier e Simone Di Franco

Segue visita all’esposizione nella Galleria Giapponese.

Ingresso gratuito fino esaurimento posti disponibili. I tagliandi gratuiti verranno distribuiti a partire da mezz’ora prima dell’inizio dell’appuntamento. INFO 0114436927/8

 

Programma dettagliato e informazioni: www.maotorino.it